Torna indietro

BLACK LIST PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE

DIFFERITO AL 20 SETTEMBRE 2016 IL TERMINE DI PRESENTAZIONE
  • 25 marzo 2016
  • Consulenza contabile, fiscale e tax planning
  • Stampa Notizia

COMINICAZIONE BLACK LIST PERIODICITA’ E TERMINI

La comunicazione ha periodicità annuale, per effetto delle modifiche apportate alla ma­teria dal DLgs. 175/2014. Lo stesso decreto non ha, però, espressamente disciplinato la materia dei termini di presentazione; in un’ottica sostanziale si sono ritenuti applicabili i termini previsti per il c.d. “spesometro” (11.4.2016 per i contribuenti con liquidazione IVA mensile e 20.4.2016 per i contribuenti trimestrali), ipotizzando che la ratio della modifica legislativa sia quella di accorpare gli adempimenti, prevedendo un invio unico del modello.

 

Con comunicato stampa del 24.03.2016, l’Agenzia delle Entrate ha spostato al prossimo 20 settembre 2016 il termine per l'invio della comunicazione annuale black list relativa al 2015, assicurando a tutti gli operatori la possibilità di preparare per tempo l'invio dei dati.

 

 

 

PAESI RECENTEMENTE ESCLUSI DALLA BLACK LIST

ANGOLA

Non sono più considerati “black list”, con la conseguenza che le operazioni effettuate con soggetti residenti / aventi sede in detti Stati non richiede la comunicazione in esame, in quanto esclusi dal DM 30.3.2015, pubblicato sulla G.U. 11.5.2015, n. 107, a decorrere dalle operazioni effettuate dal 26.5.2015.

GIAMAICA

KENIA

PORTORICO

LUSSEMBURGO

Non è più considerato “black list”, con la conseguenza che le operazioni effettuate con soggetti residenti / aventi sede in detto Stato non richiede la comunicazione in esame, in quanto escluso dal DM 16.12.2014, pubblicato sulla G.U. 23.12.2014, n. 297, a decorrere dalle operazioni effettuate dal 7.1.2015;

SAN MARINO

Non è più considerato “black list”, con la conseguenza che le operazioni effettuate con soggetti residenti / aventi sede in detto Stato non richiede la comunicazione in esame, in quanto escluso dal DM 12.2.2014, pubblicato sulla G.U. 24.2.2014, n. 45, a decorrere dalle operazioni effettuate

dall’11.3.2014.

 

 

 

 

 

 

 

 

PAESI BLACK LIST

 

ALDERNY

KIRIBATI – EX ISOLE GILBERT

ANDORRA

LIBANO

ANGUILLA

LIBERIA

ANTIGUA

LIECHTESTEIN

ANTILLE OLANDESI

MACAO

ARUBA

MALDIVE

BAHAMAS

MALESIA (1)

BARHEIN

MONACO

BARBADOS

MONTSERRAT

BARBUDA

NAURU

BELIZE

NIUE

BERMUDA

NUOVA CALEDONIA

BRUNEI

OMAN

COSTARICA

PANAMA

DOMINICA

POLINESIA FRANCESE

ECUADOR

SAINT KITTS E NEVIS

EMIRATI ARABI UNITI

SALOMONE

FILIPPINE (1)

SAINT LUCIA

GIBILTERRA

SANIT VINCENT E GRANADINE

MAURITIUS

SANT’ELENA

GRENADA

SARK (ISOLE DEL CANALE)

GUATEMALA

SEYCHELLS

GUEMSEY –ISOLE DEL CANALE

SINGAPORE ([1])

HERM –ISOLE DEL CANALE

SVIZZERA

HONG KONG (1)

TAIWAN

ISOLA DI MAN

TONGA

ISOLE CAYMAN

TUVALU (EX ISOLE ELLICE)

ISOLE COOK

URUGUAY

ISOLE MARSHALL

VANUATU

ISOLE TURKS E CAICOS

 

ISOLE VERGINI BRITANNICHE

ISOLE VERGINI STATUNITENSI

JERSEY – ISOLE DEL CANALE

GIBUTI (EX AFAR E ISSAS)

 

[1]Va evidenziato che relativamente alle operazioni effettuate con soggetti residenti / aventi sede nelle Filippine, Malesia, Singapore e Hong Kong, ancorché detti Stati non siano più ricompresi nella lista di cui al DM 21.11.2001 per effetto del DM 30.3.2015, la comunicazione in esame va comunque effettuata, in quanto presenti nella lista di cui al DM 4.5.99

 

 



 

Per leggere l'artilo completo effettua il login